© 2023 by Closet Confidential. Proudly created with Wix.com

SEARCH BY TAGS: 

CHE FORZA LA DANZA! di Donatella Caione, Paola Sorrentino e Lara Selvaggi, MATILDA EDITRICE

February 12, 2019

Autore: Donatella Caione

Illustrazioni: Paola Sorrentino

Titolo: Che forza la danza!

Edizione: Matilda Editrice
Genere: Libro per bambini
Data di pubblicazione: gennaio 2019

Formato: 20,5 x 20,5 cm, copertina rigida

Pagine: 64 a colori

Età di lettura: da 7 anni

Il voto di Chri: 5 stelline

 

 

 

Per la collana I libri del filo invisibile di Matilda Editrice ecco Che forza la danza! scritto da Donatella Caione e illustrato da Paola Sorrentino. Apparato scientifico di Lara Selvaggi.

 

 

La Casa Editrice Mammeonline è nata a fine ottobre del 2003. Quello che la rende particolarmente interessante è però il motivo per cui è nata: sostenere la comunità internet che, sul web dal '98, cominciava ad avere importanti necessità economiche per mantenersi in vita.
La straordinaria crescita costante della comunità provocò un innalzamento dei costi importante... come farvi fronte? Difficile ottenere fondi da sponsor, complicato autotassarsi, fuori discussione l'offrire servizi a pagamento. E allora? Allora, dalle stesse donne della comunità è nata l'idea: "Facciamo una cosa che sappiamo far bene, che è positiva, che serve a tutte: raccogliamo un po' delle fiabe che abbiamo nel cuore e regaliamole a Mammeonline!
Del resto lo sanno tutti, le mamme inventano fiabe, per consolare, addormentare, distrarre i loro bambini.


Le Mammeonline, oltre ad inventarle, hanno cominciato a scriverle...  E poi, dopo il primo libro di fiabe, abbiamo voluto continuare a dare spazio e voce alle esperienze, ai sogni, alle difficoltà quotidiane di essere donne e madri, per portare fuori della comunità on-line il supporto e la condivisione che le donne si scambiano nei forum.
E sono nati altri libri... e ancora ne nasceranno.

 

 

La Casa Editrice Mammeonline di Foggia di Donatella Caione da luglio 2016 dà vita ad un nuovo marchio editoriale: Matilda Editrice, come Matilda, la protagonista del romanzo di Roald Dahl, un nome che contiene perfettamente il senso di questa attività editoriale. Dice Donatella Caione, responsabile della Casa Editrice: “È un nome che parla di letteratura per l'infanzia, di bambine protagoniste, di genitorialità non solo biologica, di amore per i libri e per le biblioteche, del bisogno di non uniformarsi. Ma parla anche di famiglie imperfette e di insegnanti appassionate.  Matilda è libertà, è anticonformismo, è intelligenza, è l'emblema di quello che dovrebbe rappresentare la cultura: il mezzo per allargare i propri orizzonti e non lasciarsi sopraffare dalla grettezza.  E, oltre al senso, contiene le parole: Multicultura Accoglienza Tenacia Identità Lettura Diversità Affettività. Parole che raccontano perfettamente le motivazioni, gli interessi e l'approccio mio e di chi lavora con me, compresa la tenacia, qualità indispensabile per chi crede nel lavorare nell'editoria.”

 

 

 

Come ogni martedì e giovedì faccio i compiti molto più velocemente del solito per andare alla lezione di danza classica;

frequento la scuola DanzAmo da alcuni anni e,

dal secondo anno,

la danza è diventata una parte importantissima della mia vita.

 

 

Che forza la danza! narra di Anita, 13 anni, che ama scrivere, leggere e disegnare ma è convinta di non capire le materie scientifiche finché non conosce Lalla, laureanda in fisica che insegna danza classica.

 

Con il suo aiuto comprende che a volte basta guardare le cose da altri punti vista per scoprirne il fascino e quindi imparare ad amarle!

 

Scopre che i movimenti della danza sono basati sulle leggi della fisica, che è più facile comprendere la geometria grazie agli origami e che altre cose sono questioni di... chimica!

 

L'iniziale pensiero di Anita di non essere abbastanza 'portata' per l'ambito scientifico, alimentata dal pensiero del papà che la scienza sia una cosa più per maschi e dalle difficoltà che incontra a scuola in determinate materie, viene dolcemente demolito dalla figura di Lalla, insegnante di danza e brillante studentessa di fisica.

 

Lalla è l'esempio che più concretizza l'importanza di fare affidamento esclusivamente sulla propria forza e determinazione, che si tratti di danzare sulle punte o di individuare il centro di gravità di un corpo.

 

La giovane Anita ha imparato a credere nelle proprie potenzialità anche grazie alla sua mamma, che non ha mai imprigionato le ambizioni e gli interessi della figlia in uno spazio definito dal pensiero comune.

La consapevolezza fondamentale assunta da Anita è che l'unica a cui rendere conto del proprio futuro e delle proprie potenzialità è solo e soltanto lei stessa.

 

 

 

 

Donatella Caione non è una docente, né una psicologa o una sociologa. Non è una pedagogista e neanche una linguista. Se le si chiede di definirsi la prima parola che le viene in mente è: mamma. La seconda è donna... che però non aggiunge nulla alla prima parola! Però in quanto donna è attiva nel mondo dell'associazionismo all'interno del quale si occupa di tematiche legate alla salute delle donne, alla prevenzione della violenza di genere e all'educazione emotiva, affettiva e alle differenze. 
E poi è editrice, di libri per l'infanzia soprattutto. In quanto editrice ama dare visibilità alle bambine nella letteratura per l'infanzia; educare alle emozioni e all'identità, nel rispetto della diversità; far conoscere a bambine/i la storia delle donne, le donne importanti del passato e/o di culture diverse dalla nostra; provare a contrastare gli stereotipi di genere pubblicando libri senza stereotipi; educare bambine e bambini all'uso del linguaggio sessuato.
Le piace anche svolgere laboratori di editoria e di animazione alla lettura nelle scuole, librerie, biblioteche. 

 

Lara Selvaggi è una giovane mamma laureata in fisica e ricercatrice universitaria presso l’università di Zurigo. Pratica la danza da quando aveva 5 anni; dopo essersi diplomata in danza classica ed aver ricevuto l’abilitazione all’esercizio professionale della danza nel 2001 non ha mai smesso di insegnarla e dal 2009 studia, con le sue allieve e con ballerini professionisti, le relazioni tra danza e fisica. Di recente ha aperto i suoi workshop di danza&fisica anche agli scienziati per far apprezzare loro ancor di più la bellezza del movimento nella danza classica.

 

 

Paola Sorrentino, diplomata in Design industriale ora studia illustrazione all’Isia di Urbino. Ha praticato per alcuni anni la danza finché non si è innamorata del tiro con l’arco prima e dei tessuti aerei dopo. Ora si limita a fare ginnastica e correre per sgranchirsi dopo le ore passate a studiare e disegnare.

 

 

Che forza la danza! è un bellissimo racconto per scoprire la relazione fra danza e fisica. 

Diviso in 9 brevi capitoli, due sono le tematiche principali affrontate dal libro: l'interesse delle bambine per l'ambito scientifico e l'accettazione di se stessi/e e del proprio corpo, specialmente durante la pubertà, che prevede numerosi cambiamenti fisici.

 

Ma anche il disturbo dell'apprendimento, che, spesso, incide sull'autostima e sulla motivazione. Proprio per questo è importante che il bambino non sviluppi un senso di inferiorità, ma sia aiutato a valorizzare la sua intelligenza.

 

Il testo è arricchito, oltre che da illustrazioni semplici e super colorate che dimostrano come la fisica incide proprio sulle singole posizioni della danza, da quesiti semplici che spiegano i fenomeni scientifici che ci circondano come, ad esempio, perché il cielo è blu o perché l'arcobaleno è colorato.  

 

Che forza la danza! è una fresca parentesi di libertà e coraggio in un contesto ombreggiato da banalità e luoghi comuni.

 

 

 

Trovi Che forza la danza! nelle migliori librerie e QUI

 

 

 

 

Please reload

Please reload

FOLLOW ME!
  • Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Icona sociale
  • Instagram Social Icon
  • Pinterest Social Icon

RECENT POSTS: 

Please reload